Contest Giveaway: sono legali?

I contest giveaway (concorsi a premi di solito svolti sui social network) sembrano essere la moda del momento: youtuber e blogger fanno a gara nel regalare questo e quello, pur di avere maggiore visibilità.

Il tipico esempio di contest oggi in voga segue uno schema simile al seguente:
“Se vuoi partecipare all’estrazione di questo prodotto (o vincere questo corso online), metti mi piace sulla pagina facebook e su quella instagram. L’estrazione avverrà il 2 maggio alle ore 12.000”

E’ abbastanza evidente che regalare qualcosa in cambio di click sia una strategia che fa gola sia agli utenti (un click in cambio della possibilità di vincere qualcosa) che agli organizzatori (acquisizione di molti click in poco tempo).

Organizzare un contest serve principalmente per acquisire nuovi leads (contatti) e per aumentare l’engagement (interazione), che, come abbiamo già visto, è un tassello fondamentale di ogni business online.

Infine, non dimentichiamo l’impatto che tutto ciò inevitabilmente ha sulla “brand awareness” (notorietà del marchio).

Proprio per questi motivi, può essere interessante inserire fra le abituali strategie di marketing anche un contest giveaway ogni tanto, stando però attenti a rispettare alcune semplici regole:

1) i prodotti o servizi regalati in ogni concorso non devono superare il valore complessivo di 25,82€
2) il singolo utente partecipante non può vincere più di un premio nell’anno solare.

Infatti, questo è quanto previsto in Italia dal DPR del 26 Otto­bre 2001, n. 430 che rego­la­menta le mani­fe­sta­zioni a pre­mio, fra cui rientrano anche i con­test.

Se desiderate fare un contest con caratteristiche diverse e non rispetta quanto espresso ai precedenti punti 1) e 2), la procedura è alquanto complessa e costosa, in quanto è obbligatorio l’intervento di un notaio e la registrazione del concorso presso il Ministero dello Sviluppo Economico.
E, fate molta attenzione, in quanto le violazioni incorrono in multe salatissime:

Per concorso a premi vietato:
sanzione che va da una a tre volte l’ammontare dell’IVA dovuta sul montepremi e comunque non inferiore a € 2.582.28;
Per mancata preventiva comunicazione:
sanzione che va da € 2.065,83 a € 10.329,14 (che può essere ridotta del 50% in caso in cui la comunicazione sia stata inviata successivamente all’inizio del concorso, ma prima che sia stato constatato l’inadempimento);
Per svolgimento del concorso con modalità difformi da quelle comunicate o da quelle indicate nel regolamento:
sanzione che va da € 1.032,91 a € 5.164,57;

Trovate maggiori informazioni su blog.leevia.com… 

Infine, attenzione ai regolamenti dei vari social network, di modo da sapere bene quello che si può e quello che non si può fare per promuovere un contest giveaway.
Ad esempio, su Facebook sono vietate le azioni di share e tag per la partecipazione ad un concorso a premi. Quindi il tipico “se vuoi partecipare al contest condividi il post sulla tua bacheca” non è permesso.

E’ anche sconsigliato utilizzare il social network come unica piattaforma per gestire il contest giveaway, in quanto non avrete mai una lista completa dei partecipanti a cui inviare successive comunicazioni.

Sempre meglio utilizzare uno strumento di gestione del contest che vi consenta di fare Lead Generation (acquisizione contatti).
Vi consiglio Hypesprout.

Quindi, se volete inserire un contest giveaway nel vostro piano marketing, informatevi con molta attenzione per evitare spiacevoli sorprese.

Nel dubbio, ricordatevi di rispettare questi due semplici punti:
1) i prodotti o servizi regalati in ogni concorso non devono superare il valore complessivo di 25,82€
2) il singolo utente partecipante non può vincere più di un premio nell’anno solare.

Good luck!

 

Be the first to comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *